Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.  Cookies Policy

catalogue http://www.viavenetojazz.it Wed, 13 Nov 2019 18:08:06 +0000 Joomla! - Open Source Content Management it-it VVJ 128 - Kevin Hays e Chiara Izzi - Across the sea http://www.viavenetojazz.it/catalogue/item/186-vvj-128-kevin-hays-e-chiara-izzi-across-the-sea http://www.viavenetojazz.it/catalogue/item/186-vvj-128-kevin-hays-e-chiara-izzi-across-the-sea VVJ 128 - Kevin Hays e Chiara Izzi - Across the sea

Kevin Hays e Chiara Izzi 
Across the sea  Play

 

Kevin Hays - voce, piano, fender rhodes

Chiara Izzi - voce

Rob Jost - basso e corno inglese

Greg Joseph - batteria  

Omer Avital - oud

Grégoire Maret - armonica

Nir Felder - chitarra

Chris Potter - sax

Rogério Boccato - percussioni

 


VVJ 128 - Prodotto da Via Veneto Jazz e Jando Music

 Logo Via Veneto Jazz  Logo Jandomusic

 


 

Press release

 

Un lavoro nato dall’incontro fra due artisti lontanissimi come origini, ma vicini come spirito e modo di intendere la musica sempre concreta, mai volatile, nata sotto i cieli luminosi dell’ispirazione. Un viaggio immaginifico fra jazz e pop, America e Italia, sogno e lirismo di Chiara Izzi, cantante calda, mediterranea e Kevin Hays, uno dei pianisti e compositori più illustri della scena jazz statunitense, che vanta anche illustri collaborazioni nel mondo del pop (James Taylor).

Across the Sea, registrato al mitico Sear Sound di New York è un accorto lavoro di studio con vari ospiti chiamati ad illustrare con la loro arte i brani del cd: Omer Avital, Gregoire Maret, Nir Felder, Chris Potter e Rogerio Boccario e questo viaggio comune, così composito e avventuroso appare nato sotto i migliori auspici. 

La forte predominanza della melodia e dell’osmosi fra canto e tastiere, e a volte fra le stesse due voci, ha sublimato il compito della produzione in un lavoro di cesello, di aromi, di inviti e di suoni “altri” che poi magicamente sono confluiti nell’opera finale. Il corno francese nell’emblematica Two For The Road, l’oud ancestrale nel classico Nardis di Miles Davis, l’armonica puntuale e incisiva nel James di Pat Metheny, la chitarra avvolgente in Circles of The Mind, il sax sinuoso di Viaggio Elegiaco, ne sono solo alcuni esempi. 

Across the Sea verrà presentato in anteprima mondiale il 28 febbraio 2019 nel tempio del jazz: il Birdland di New York

 


 

Tracklist of "Across the sea": 10 Tracks

01. Circles Of The Mind (Chiara Izzi)
02. I’ve Grown Accustomed to Her Face
(Frederick Loewe - Alan Jay Lerner)
03. James
(Pat Metheny - Kevin Hays)
04. Secret O’ LifE
(James Taylor)
05. Two For The Road
(Henry Mancini - Leslie Bricusse)
06. Across The Sea (Chiara Izzi)
07. Viaggio Elegiaco
(Kevin Hays - Chiara Izzi)
08. Verso Il Mare
(Rosario Bonaccorso - Chiara Izzi)
09. Tierna Nardis
(Miles Davis - Yanina Lombardi)
10. With You I’m Born Again
(David Shire - Carol Connor)

]]>
info@viavenetojazz.it (Super User) catalogue Mon, 18 Feb 2019 21:55:43 +0000
VVJ 127 - Dirty Six http://www.viavenetojazz.it/catalogue/item/185-vvj-127-dirty-six http://www.viavenetojazz.it/catalogue/item/185-vvj-127-dirty-six VVJ 127 - Dirty Six

Dirty Six  Play

 

Daniele Scannapieco - sax

Claudio Filippini - piano

Lorenzo Tucci - drums

Tommaso Scannapieco - bass

Gianfranco Campagnoli - trumpet

Roberto Schiano - trombone

 


VVJ 127 - Prodotto da Via Veneto Jazz e Jando Music

 Logo Via Veneto Jazz  Logo Jandomusic

 


 

Press release

Dall’omonimo titolo, un sestetto che riunisce alcuni dei maggiori esponenti del  jazz italiano.

Il disco contiene dieci brani originali di caratterizzati da un forte impatto ritmico, e allo stesso tempo da una notevole connotazione melodica e cantabilità, e trasportano l’ascoltatore in un clima suggestivo e moderno, in cui Jazz, R&B, Funky e contaminazioni Afro sono sapientemente combinate insieme dai sei musicisti.

Il risultato è un interplay vitale da cui traspare la grande stima reciproca dei Dirty Six che sono perfettamente in sintonia tra loro nonostante provengano da esperienze diverse.

La band è composta da Claudio Filippini al piano, il sassofonista Daniele Scannapieco Gianfranco Campagnoli alla tromba, Roberto Schiano al trombone e la ritmica, dal notevole impatto sonoro, è composta da Tommaso Scannapieco al basso elettrico e contrabbasso e Lorenzo Tucci alla batteria

 


 

Tracklist of "Dirty Six": 10 Tracks

01. Haze (Filippini)
02. Waiting for D (Scannapieco - Di Battista - Rosciglione)
03. Flying Horses (Filippini) 
04. Andrà Bene
(Tucci)
05. Parmenide
(Scannapieco)
06. Keep Calm
(Tucci)
07. Landscape
 (Filippini) 
08. Malaga
(Scannapieco)
09. Il Fiore Purpureo 
(Filippini)
10. Red Hot
(Scannapieco - Di Battista - Rosciglione)

]]>
info@viavenetojazz.it (Super User) catalogue Tue, 22 Jan 2019 21:21:30 +0000
VVJ 126 - Oona Rea - First Name Oona http://www.viavenetojazz.it/catalogue/item/183-vvj-126-oona-rea-first-name-oona http://www.viavenetojazz.it/catalogue/item/183-vvj-126-oona-rea-first-name-oona VVJ 126 - Oona Rea - First Name Oona

Oona Rea 
First Name Oona  Play

 

Oona Rea - vocals

Luigi Masciari - guitars & arrangements

Alfredo Paixão - bass 

Alessandro Marzi - drums & percussions

Danilo Rea - piano on tracks 1, 2, 7, 9

 


VVJ 126 - Prodotto da Via Veneto Jazz e Jando Music

 Logo Via Veneto Jazz  Logo Jandomusic

 


 

Press release

 

Oona è un nome proprio femminile. È l’anglicizzazione del nome irlandese Úna, da scrivere rigorosamente con l’accento sulla u.  Oona è Úna. Una voce che ti ipnotizza con una cantilena dolce e poi ti scuote con vertigini imprevedibili. Una melodia indolente che ti culla e poi ti trascina in un groove morbido a cui non puoi resistere. Oona gioca con la voce e con le parole. Con la lingua italiana e con quella inglese. Oona scrive un verso e poi cambia idea, perché è tutto in movimento e tu puoi viaggiare con lei. Oona è funk, oppure è jazz, oppure è bossa, oppure è pop. Oppure non le importa, perché con lei il gioco dei generi non attacca. Li conosce tutti e li frulla insieme per proporti una musica Única e peculiare.   

“First Name Oona” è il primo disco di Oona Rea (Jandomusic/Via Veneto Jazz), con nove canzoni che ti piacciono perché ti avvolgono prima che tu possa accorgertene. Oona ha scritto tutti i testi e ha composto le musiche con Luigi Masciari, che ha anche suonato la chitarra e curato gli arrangiamenti. E poi ha fatto suonare le nove canzoni ad Alfredo Paixão, che ci ha messo un basso, e ad Alessandro Marzi, che ha aggiunto una batteria. Ogni tanto è andato a trovarli in studio anche Danilo Rea, che ha suonato un pianoforte qui e là. 

“First Name Oona” è un disco sornione, che ti scorre sottopelle, che ti gira nelle orecchie, che ammicca e ti chiede di premere ancora “play”. Almeno Úna volta. 

 


 

Tracklist of "First Name Oona": 09 Tracks

01. Paradox
02. Forma
03. Frames
04. Strange
05. Fun
06. Pensieri sparsi

07. The session
08. Rubble
09. Tempo perso 

]]>
info@viavenetojazz.it (Super User) catalogue Thu, 06 Dec 2018 10:33:00 +0000
VVJ 125 - Julian Oliver Mazzariello - Debut http://www.viavenetojazz.it/catalogue/item/181-vvj-125-julian-oliver-mazzariello-debut http://www.viavenetojazz.it/catalogue/item/181-vvj-125-julian-oliver-mazzariello-debut VVJ 125 - Julian Oliver Mazzariello - Debut

Julian Oliver Mazzariello 
Debut  Play

 

Julian Oliver Mazzariello - piano

André Ceccarelli - drums

Rémi Vignolo - double bass

 


VVJ 125 - Prodotto da Via Veneto Jazz e Jando Music

 Logo Via Veneto Jazz  Logo Jandomusic

 


 

Press release

 

Quanti dischi avete di Julian Oliver Mazzariello? Pensateci. Probabilmente farete fatica a rispondere. Magari la vostra memoria non riuscirà a risalire al numero preciso, ma sarete certi di trovarne qualcuno nella vostra collezione musicale. D’altronde quel tocco sul pianoforte è inconfondibile, quell’eleganza si riconosce alle prime note, è impossibile dimenticare quel nome così particolare, così anglo-partenopeo.   

Ma la verità è che no, di Julian non avete nessun disco. Perché Julian ha prestato la sua arte a tanti colleghi musicisti, ma non aveva ancora preso la decisione di esporsi in prima persona, come leader di una formazione.   

Dischi magnifici in duo con Fabrizio Bosso (col quale ha condiviso varie avventure musicali), con il gruppo Yatra di Enzo Pietropaoli (sempre per Jando Music/Via Veneto Jazz) o come fiancheggiatore di Lucio Dalla, Stefano Di Battista, Maria Pia de Vito, Edoardo De Crescenzo o Fabio Concato, ma “Dèbut” – in uscita in autunno 2019 per Jando Music e Via Veneto Jazz - è la sua prima prova da solista. E finalmente abbiamo l’occasione e l’opportunità di ascoltare Mazzariello in tutta la sua fantasia creativa e compositiva: groove, swing, tecnica sopraffina, in un percorso tra stili diversi affrontati con grande consapevolezza. Che siano ballate (“Monk in Paris”, “J’s Ballad”) o brani più groovy (“Funky chunks”) o morbidi blues (“Modal blues”), il pianista guida con maestria l’eccezionale trio che si completa con André Ceccarelli alla batteria e Rémi Vignolo al contrabbasso. Sette composizioni originali e due “standard” della canzone: la “Accarezzame” di Pino Calvi (già interpretata da Roberto Murolo, Peppino Di Capri, Renzo Arbore e tanti altri) e “Que reste-t-il de nos amours?”, capolavoro di Charles Trenet.   

Ora avete un dubbio in meno e un bel disco in più. Buon ascolto!

 


 

Tracklist of "Debut": 09 Tracks

01. Accarezzame (Calvi - Nisa) 
02. Funky chunks (Mazzariello)
03. Dream Cycling
(Mazzariello) 
04. Battement Fondu (Mazzariello) 
05. Monk in Paris
(Mazzariello) 
06. Modal blues
(Mazzariello) 
07. Que reste-t-il de nos amours
(Trenet - Chauliac)
08. Five for troc
(Mazzariello) 
09. J’s Ballad 
(Mazzariello) 

]]>
info@viavenetojazz.it (Super User) catalogue Fri, 26 Oct 2018 13:09:47 +0000
VVJ 124 - TanoTrio Feat. Leo Genovese - Close but Far http://www.viavenetojazz.it/catalogue/item/178-vvj-124-tanotrio-feat-leo-genovese-close-but-far http://www.viavenetojazz.it/catalogue/item/178-vvj-124-tanotrio-feat-leo-genovese-close-but-far VVJ 124 - TanoTrio Feat. Leo Genovese - Close but Far

TanoTrio Feat. Leo Genovese 
Close but Far  Play

 

Leo Genovese - piano

Daniele Germani - alto sax

Stefano Battaglia - double bass

Juan Chiavassa - drums

 


VVJ 124 - Prodotto da Via Veneto Jazz e Jando Music

 Logo Via Veneto Jazz  Logo Jandomusic

 


 

Press release

 

Il TanoTrio è una formazione nata nel 2016 al Berklee College Of Music di Boston (USA), composta da Daniele Germani ai sassofoni, Stefano Battaglia al contrabasso e Juan Chiavassa (Argentina) alla batteria.

Il trio propone un jazz dalla forte influenza melodica e chiara è la contaminazione da parte del  Free Jazz e della musica contemporanea Europea e Americana.

Il trio è fortemente influenzato dal gruppo di sede a Boston “the Fringe” di George Garzone.

Il repertorio del TanoTrio presenta brani originali e standard della tradizione jazzistica, che spaziano da John Coltrane, Wayne Shorter, Ornette Coleman, Thelonious Monk al giorno d'oggi. 

La risultante è un continuo susseguirsi di armonie, melodie e giochi ritmici che possono confluire in temi, canovacci prestabiliti o dare vita a vere e proprie composizioni estemporanee.

Il Tano Trio sta per pubblicare con Jando Music e Via Veneto Jazz un album registrato a NY con uno dei talenti più luminosi della scena jazzistica newyorkese, il pianista Leo Genovese (Argentina).

Nell’estate 2018 il trio sarà in Tour in Europa con le loro più grandi influenze musicali: George Garzone al sax tenore e soprano e Leo Genovese al piano e sassofoni.

La particolarità del gruppo sara quella di avere due componenti italiani, due componenti argentini discendenti da radici italiane e George Garzone, anch'esso dalle orgini italo-americane: sarà una grande combinazione di suoni e nuova energia!

 


 

Tracklist of "Close but Far": 11 Tracks

01. Intro Back (S. Battaglia)
02. Controfatto (D. Germani)
03. Tutti Li Fiochi  (J. Chiavassa)
04. Ask Me Now (T. Monk) 
05. I’m Close but Far
 (D. Germani)
06. Jayne (O. Coleman)
07. Interlude Clearway 28 (D. Germani)
08. Clearway 28
 (D. Germani)
09. Back
 (S. Battaglia)
10. Tomma’s Blues
 (S. Battaglia)
11. The Tune 
(J. Chiavassa)

]]>
info@viavenetojazz.it (Super User) catalogue Sat, 14 Jul 2018 19:27:35 +0000
VVJ 123 - Enzo Pietropaoli Wire Trio - Woodstock Reloaded http://www.viavenetojazz.it/catalogue/item/176-vvj-123-enzo-pietropaoli-wire-trio-woodstock-reloaded http://www.viavenetojazz.it/catalogue/item/176-vvj-123-enzo-pietropaoli-wire-trio-woodstock-reloaded VVJ 123 - Enzo Pietropaoli Wire Trio - Woodstock Reloaded

Enzo Pietropaoli Wire Trio 
Woodstock Reloaded  Play

 

Enzo Pietropaoli - electric bass
Enrico Zanisi
- piano - keyboards
Alessandro Paternesi
- drums

 


VVJ 123 - Prodotto da Via Veneto Jazz e Jando Music

 Logo Via Veneto Jazz  Logo Jandomusic

 


 

Press release

 

Si tratta di un nuovo inedito progetto di Enzo Pietropaoli che ha deciso di riproporre in chiave contemporanea alcune tra le pagine più significative di un evento epocale e irripetibile come quello che nell’agosto 1969 ha rappresentato l’apice della cultura hippie, e non solo nella sua accezione musicale.  

“Woodstock Reloaded” non vuole essere solo una proposta di “cover” ma una rilettura originale, appunto una sorta di “aggiornamento” di quelle lontane emozioni  che tenga in considerazione tutto ciò che è successo in musica da allora; una sorta di contenitore all’interno del quale si armonizzano il  tributo a quell’avvenimento e l’evoluzione del linguaggio musicale da allora ad oggi.  

Gli artisti presi in considerazione rappresentano, nell’immaginario di Pietropaoli, le punte più significative di quei quattro giorni, a volte per ragioni musicali, a volte di costume, a volte per come hanno rappresentato quel movimento culturale, tra gli altri: Santana, The Who, Janis Joplin, Joan Baez, Joe Cocker, Creedence Clearwater Revival, Sly And The Family Stone, Jimi Hendrix.

 


 

Tracklist of "Woodstock Reloaded": 9 Tracks

01. Soul Sacrifice (C.Santana)
02. With A Little Help From My Friends  
(Lennon - Mccartney)    
03. See Me Feel Me/Listening To You
(P.Townshend)    
04. Summertime
(G.Gershwin)     
05. Hey Joe
(B.Roberts)     
06. Proud Mary
(J.Fogerty)       
07. Swing Low  Sweet Chariot
(W.Willis)      
08. I Want To Take You Higher
(S.Stone)     
09. Back Home
(E.Pietropaoli) 

]]>
info@viavenetojazz.it (Super User) catalogue Mon, 19 Feb 2018 08:28:31 +0000
VVJ 122 - Michele Morari, Alberto Gurrisi, Michele Bianchi, Emiliano Vernizzi, feat. Fabrizio Bosso - Blue Moka http://www.viavenetojazz.it/catalogue/item/174-vvj-122-michele-morari-alberto-gurrisi-michele-bianchi-emiliano-vernizzi-feat-fabrizio-bosso-blue-moka http://www.viavenetojazz.it/catalogue/item/174-vvj-122-michele-morari-alberto-gurrisi-michele-bianchi-emiliano-vernizzi-feat-fabrizio-bosso-blue-moka VVJ 122 - Michele Morari, Alberto Gurrisi, Michele Bianchi, Emiliano Vernizzi, feat. Fabrizio Bosso - Blue Moka

Michele Morari, Alberto Gurrisi, Michele Bianchi, Emiliano Vernizzi,
feat. Fabrizio Bosso 
Blue Moka  Play

 

Michele Morari - drums
Alberto Gurrisi
- hammond
Michele Bianchi
- guitar
Emiliano Vernizzi
- sax
Fabrizio Bosso
- trumpets

 


VVJ 122 - Prodotto da Via Veneto Jazz e Jando Music

 Logo Via Veneto Jazz  Logo Jandomusic

 


 

Press release

 

Il disco raccoglie 8 brani originali che coniugano atmosfere blues con ritmi funky e r'n'b, aprendosi al nu-jazz newyorkese. A questi brani si aggiungono due standard rivistati (Footprints e Brazilian Like) di Wayne Shorter e Michel Petrucciani e un tributo a Lucio Dalla (Futura), musicista molto caro alla band.  

“Blue Moka” riprende i colori della tradizione jazzistica americana ma sperimenta con le tessiture cromatiche, creando una nuova sfumatura di blu: un blue moka. Una cifra stilistica che oscilla tra ricerca di linguaggio (stilistica era una ripetizione), tradizione e groove, uno spazio che tutti i membri abitano con ironia e complicità, grazie anche al sound energetico che li contraddistingue (tipico del caffè che ribolle nella moka, mettere qualcosa che faccia capire cosa c’entra “moka” nel titolo).  

Michele Bianchi e io veniamo dalla campagna Emiliana, dove tutto sembrava lontano, ma la voglia di crescere e fare musica era tanta – dichiara il batterista Michele Morari. Alle prime jam a Milano, abbiamo conosciuto Alberto Gurrisi che suonava già con “quelli più tosti”. Con lui abbiamo creato un trio e abbiamo cominciato a suonare nei localini: tante ore passate insieme in macchina, birre, notti in bianco a parlare di jazz, bere caffè e sognare tanto.  

I “Blue Moka” nascono così, nel 2009, da un'idea di un gruppo di amici affiatati e innamorati del jazz. L'inserimento di Emiliano Vernizzi al sax ha ampliato ulteriormente le possibilità sonore e incrementato la necessità di creare un repertorio originale.  Nel 2014 la band realizza un altro sogno: quello di suonare con Fabrizio Bosso. La prima serata con Fabrizio è stata incredibile – ricorda Morari – prima del bis ci siamo radunati per decidere il brano di chiusura e, in quel momento, Bosso ci ha comunicato la volontà di partecipare come ospite al nostro progetto. Dopo due anni di concerti in numerosi club e festival italiani, dove Bosso partecipa come guest, la collaborazione artistica viene suggellata nel primo disco in studio della band.  

“Blue Moka” raccoglie le diverse anime della band ed è una miscela di modern jazz, R&B e funk, con un grande rispetto per la tradizione hammondistica degli anni '60. Sullo sfondo, i numerosi artisti che hanno influenzato e formato i componenti del quartetto: Jimmy Smith, Art Blakey, Winton Marsalis, Michael Brecker, fino a Robert Glasper, Roy Hargrove, Brian Blade, Pat Metheny, Larry Goldings.  

Tra i brani originali, Bacon VS Tofu (di Emiliano Vernizzi) è il primo brano suonato con Bosso, mentre I felt this for you (di Michele Bianchi) è stato il tassello risolutivo che ha evidenziato la capacità del gruppo di esplorare insieme nuove sonorità. Caratterizzata da un suono nordico in netta contrapposizione con il bop tipico dell’hammond, Clear (di Morari/Bianchi) è un motivo che Michele Morari aveva in testa durante un viaggio solitario in Lapponia. 30 mesi nasce da una session di quattro giorni di prove, durante i quali Alberto Gurrisi ha mangiato chili di Parmigiano Reggiano stagionato 30 mesi (portato dagli Emiliani).

 


 

Tracklist of "Blue Moka": 11 Tracks

01. 30 Mesi feat. Fabrizio Bosso (Alberto Gurrisi)
02. Bacon Vs Tofu
feat. Fabrizio Bosso (Emiliano Vernizzi)
03. Futura
(Lucio Dalla)
04. Clear
feat. Fabrizio Bosso (Michele Morari, Michele Bianchi)
05. I Felt This For You
(Michele Bianchi)
06.  I-Rig
feat. Fabrizio Bosso (Michele Bianchi)
07. Beauty
(Michele Bianchi)
08. Brazilian Like
feat. Fabrizio Bosso (Michel Petrucciani)
09. Lotus Flower
(Michele Bianchi)
10. Footprints
feat. Fabrizio Bosso (Wayne Shorter)
11. Mister
(Michele Bianchi)

]]>
info@viavenetojazz.it (Super User) catalogue Thu, 18 Jan 2018 14:03:15 +0000
VVJ 121 - Roberto Tarenzi, James Cammack, Jorge Rossy - Love and Other Simple Matters http://www.viavenetojazz.it/catalogue/item/172-vvj-121-roberto-tarenzi-james-cammack-jorge-rossy-love-and-other-simple-matters http://www.viavenetojazz.it/catalogue/item/172-vvj-121-roberto-tarenzi-james-cammack-jorge-rossy-love-and-other-simple-matters VVJ 121 - Roberto Tarenzi, James Cammack, Jorge Rossy - Love and Other Simple Matters

Roberto Tarenzi
James Cammack
Jorge Rossy  
Love and Other Simple Matters  Play

 

Roberto Tarenzi - piano 
James Cammack - doublebass 
Jorge Rossy - drums

 


VVJ 121 - Prodotto da Via Veneto Jazz e Jando Music

 Logo Via Veneto Jazz  Logo Jandomusic

 


 

Press release

 

Roberto Tarenzi, pianista tra i più talentuosi della scena jazzistica nazionale, sceglie una sezione ritmica internazionale e di grandissimo spessore per registrare il suo lavoro della consacrazione: James Cammack, il leggendario bassista di Ahmad Jamal e Jorge Rossy batterista (e polistrumentista) iconico del primo trio di Brad Mehldau.    

Roberto Tarenzi riesce con questa formazione in trio (quella più amata dai grandi pianisti) ad esaltarsi sia nella esecuzione delle sue composizioni che degli standard. Il titolo del cd è ironico ma nasconde una verità: nella vita come nel jazz bisogna saper affrontare con semplicità e leggerezza anche le cose più difficili.    

David Liebman ha detto di Roberto dopo aver ascoltato in anteprima il cd: "Roberto è uno dei pianisti più talentuosi che abbia mai incontrato negli ultimi anni, uno dei grandi musicisti del mondo con cui amo suonare e trascorrere del tempo. In questo disco, in cui è in compagnia di due eccellenti professionisti, puoi ascoltare la sua grande personalità musicale".

 


 

Tracklist of "Love and Other Simple Matters": 11 Tracks

01. Ab i.d.k. (Tarenzi)
02. Autumn leaves (Kosma)
03. Five (Evans)
04. Golden face
(Tarenzi)
05. Inutil paesagem
(Jobim)
06. Blues X
(Tarenzi)
07. Love and...
(Tarenzi)
08. Back to Ghana
(Tarenzi)
09. Liquid velvet
(Tarenzi)
10. ...Other   simple matters
(Tarenzi)
11. Vincent
(McLean)

]]>
info@viavenetojazz.it (Super User) catalogue Tue, 16 Jan 2018 12:01:48 +0000
VVJ 120 - Massimo Nunzi - Giocajazz http://www.viavenetojazz.it/catalogue/item/170-vvj-120-massimo-nunzi-giocajazz http://www.viavenetojazz.it/catalogue/item/170-vvj-120-massimo-nunzi-giocajazz VVJ 120 - Massimo Nunzi  - Giocajazz

Massimo Nunzi  
Giocajazz

 

Massimo Nunzi - tromba e voce
Marta Colombo
 - voce
Francesco Lento
 - tromba
Carlo Conti
 - sax e flauto
Silvia Manco
 - piano
Riccardo Gola
 - contrabbasso
Pier Paolo Ferroni
 - batteria
Stefano Scarfone
 - chitarra 

 


VVJ 120 - Prodotto da Via Veneto Jazz e Jando Music

 Logo Via Veneto Jazz  Logo Jandomusic

 

 

Press release

In uscita a Natale GiocaJazz il nuovo cd di canzoni ideato per bambini di tutte le età. GiocaJazz è un modo divertente ed interattivo per avvicinare i bambini al fantastico mondo della musica e far nascere in loro, con il jazz, una passione che potrebbe durare per sempre.

Il jazz ricorda infatti le regole del gioco dei bambini, invisibili agli adulti, come invisibili sono a volte le alchimie delle improvvisazioni jazz.

Disponibile nei negozi di dischi e libri e nelle più importanti piattaforme digitali.

 


 

Tracklist of "Giocajazz": 13 Tracks

01 Intro di giocajazz (Massimo Nunzi)
02 Giocajazz (Massimo Nunzi)
03 Datemi una tromba 
(Massimo Nunzi)
04 Io sono un gatto
 (Massimo Nunzi)
05 Superfank
 (Massimo Nunzi)
06 La Melodia 
(Massimo Nunzi)
07 Facciamo le scale
 (Massimo Nunzi)
08 Ritmo
 (Massimo Nunzi)
09 Tira la palla 
(Massimo Nunzi)
10 Pianto il riso
 (Massimo Nunzi)
11 Hic
 (Massimo Nunzi)
12 Il Jazz è una nuvola
 (Massimo Nunzi e Anna Belozorovich)
13 Giocajazz [versione reggae]
(Massimo Nunzi)

]]>
info@viavenetojazz.it (Super User) catalogue Wed, 29 Nov 2017 12:01:30 +0000
VVJ 119 - Sergio Cammariere - L'artista, la vita, la storia http://www.viavenetojazz.it/catalogue/item/169-vvj-119-sergio-cammariere-l-artista-la-vita-la-storia http://www.viavenetojazz.it/catalogue/item/169-vvj-119-sergio-cammariere-l-artista-la-vita-la-storia VVJ 119 - Sergio Cammariere - L'artista, la vita, la storia

Sergio Cammariere  
L'artista, la vita, la storia

 


VVJ 119 - Pubblicato da Goodfellas su licenza Via Veneto Jazz

 Logo Via Veneto Jazz 

 

 

Dalla pace del mare lontano

Play

 

 

Sul sentiero

Play

 

  

Il pane il vino e la visione

Play

 

  

Carovane

Play

 

  

Tutto quello che un uomo

Play

]]>
info@viavenetojazz.it (Super User) catalogue Thu, 23 Nov 2017 11:49:41 +0000