Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.  Cookies Policy

VVJ 035 - Doctor 3 - Bambini forever

back to » catalogue

VVJ 035 - Doctor 3 - Bambini forever

(0 Voti)

Doctor 3
Bambini forever

Danilo Rea - pianoforte
Enzo Pietropaoli
- contrabbasso
Fabrizio Sferra
- batteria   
 

 


VVJ 035 - Prodotto da Via Veneto Jazz

 Logo Via Veneto Jazz  


 

“Voglio restare bambino per sempre!”, esclama il clarinettista Tony Scott nella prima, gustosa traccia del nuovo album dei Doctor 3 (Danilo Rea – pianoforte, Enzo Pietropaoli – contrabbasso, Fabrizio Sferra – batteria).
E il restare “bambini”, nei molti significati del termine, si riferisce qui alla musica, invocata da Scott come medicina per l’anima, ma è anche un appello alla preservazione della propria istintività, che da sempre è il segno stilistico distintivo del trio. E’ chiaro che i significati possono essere ulteriormente allargati, com’è naturale parlando dei Doctor 3 e ascoltando i loro lavori: nulla è precostituito, tutto si dipana partendo da un clima, presentato, sviluppato grazie all’improvvisazione, approfondito, inaspettatamente poi modificato - durante il percorso tutto può cambiare, poiché il dialogo serrato tra i tre musicisti è imprevedibile ed estremamente fecondo.

Il clima di questo terzo album, dunque, nasce dai Beatles, presenti con molti brani - un vero leit-motiv compositivo, si sviluppa attraverso i Red Hot Chili Peppers, Wayne Shorter, Pat Metheny, Fabrizio De André e Sting; aprono e chiudono l’album due deliziosi interventi parlati di Tony Scott. Le sette mini-suites che raggruppano i brani e le citazioni sono i “Bambini”, come negli album precedenti erano “Tales” e “Songs”; i cinque titoli “Forever”, composti dal trio, nascono come cellule improvvisative con la funzione di passaggio tra i brani, ma all’ascolto più attento svelano e rimandano ad altri mondi musicali, altre idee, altre citazioni: come in un gioco di specchi, o di scatole cinesi.

NL’album nasce anche questa volta di getto, sostenuto però in questo caso da una consistente attività dal vivo, che ha occupato il gruppo per buona parte del 2001. A detta degli autori, molte idee presenti nel disco sono nate nel corso dei concerti, quindi maturate con il pubblico – e grazie ad esso. In questo senso si spiega lo straordinario impatto dell’album, che riesce a mantenere, nella sua estrema fluidità, una dimensione molto vicina al Live.

Nonostante la presenza cospicua di autori e riferimenti al pop, questo è un album assolutamente jazz: jazz come il linguaggio, così personale, dei Doctor 3, che dimostra di essere maturato al punto da poter rileggere davvero ogni genere musicale.

share this item
facebook googleplus linkedin rss twitter youtube

Video